Il Brenta racconta: storia, arte, cultura, moda.

Carnevale Venezia 2021 e restrizioni Covid

Si festeggerà il Carnevale di Venezia 2021? 

 

Le celebrazioni del famoso Carnevale di Venezia sarebbero dovute iniziare il 31 Gennaio 2021 per culminare il 16 febbraio con le sfilate ed i balli del famoso martedì grasso.

 

Quando il 23 Febbraio 2020 il sindaco di Venezia bloccando le manifestazioni finali del carnevale 2020, dava appuntamento al Carnevale 2021. Nessuno si sarebbe aspettato che dopo un anno il mondo intero fosse ancora afflitto dalla pandemia Civid-19 e che le restrizioni per contenerla imponessero di ripensare una nuova modalità per celebrare la festa che negli anni passati ha portato milioni di turisti ad affollare calli e piazze di Venezia.

 

 

Come si svolgerà il Carnevale di Venezia nel 2021?

 

Grazie ad un calendario di eventi virtuali dedicati alla storia e alle tradizioni del Carnevale dal 6 al 7 febbraio e dall’11 al 16 febbraio, sarà possibile seguire in streaming e sui canali social gli eventi trasmessi da Palazzo Ca’ Vendramin Calergi sede del Casinò di Venezia e all’interno di musei e teatri storici della città, i permettendo a chiunque di conoscere da remoto location spettacolari

 

Gli organizzatori prevedono eventi digitali ad iscrizione dove verranno trasmessi laboratori, performance, racconti interattivi, concorsi dedicati a bambini, teenager e senior.

Masterclass di cucina dedicate ai cibi del carnevale, di cui regine indiscusse sono sicuramente le famose frittelle  verranno trasmessi per insegnare al mondo come si preparano le famose fritte veneziane.

 

Con le restrizioni ed il coprifuoco alle 22.00 anche i tradizionali balli avranno modalità di svolgimento anomala.

Già cancellato il Ballo del Doge.

 

Resta l’incognita per il volo dell’Angelo. 

Ci sarà? In una piazza blindata ed in diretta via streaming?

 

Nell’anno in cui ricorre l’anniversario della nascita di Venezia (1600 anni) la festa più conosciuta della città lagunare, il Carnevale, sarà quindi molto particolare, senza sfilate e maschere e da guardare seduti da casa in attesa di tornare nel 2022 a una piazza San Marco gremita e con la città colorata di maschere settecentesche, di musica e spettacoli.